Rifiuti cercasi: anche“taroccati”

Per ora Trento è salva. Il bando per l’inceneritore è andato deserto. Nulla di straordinario, era successo anche a Bolzano.

Quello che fa pensare sono le motivazioni: tariffe e durata del contratto.

Nessuna azienda si vuole prendere il rischio di gestire un impianto che, se la raccolta differenziata in Trentino continuerà il trend attuale, rischia di avere poco materiale da bruciare, stante anche il divieto di importare rifiuti, e quindi di avere scarsi incassi ( 110 euro a tonnellata per lo smaltimento del rifiuto indifferenziato).

Quindi una questione di mercato, bruciare i rifiuti non è più un affare sicuro se le pratiche di differenziazione vengono attuate con rigore.

A Bolzano invece il problema lascia del tutto insensibili i nostri amministratori, attenti comunque a non spingere troppo avanti la raccolta differenziata.

Il carburante per il forno deve essere garantito, sacrificando ad esso materie prime riciclabili, ambiente, salute dei cittadini oltrechè il senso civico della comunità.

Mentre ora a Trento si spera che, come afferma per Italia Nostra Paolo Mayr: ” la mancanza di offerte faccia ripensare alla questione e ragionare sulle alternative da usare rispetto alla combustione per arrivare alla fine del ciclo dei rifiuti. Bisogna salvare i materiali e non bruciarli. Si devono ridurre le combustioni — è l’imperativo di cui si fa portavoce —, bisogna investire i soldi destinati all’inceneritore per controllare la differenziata e per educare le persone al risparmio delle materie prime . Se una soluzione proposta non è attuabile, conclude Mayr, per lo meno si mettano in concorso alternative all’inceneritore.”

A Bolzano invece si progettano spostamenti  di cassonetti da fuori a dentro i condomini, si fanno opere di chirurgia estetica, senza intaccare la sostanza: nessuna volontà di ridurre i rifiuti, nessuna volontà di aumentare la differenziata.

E come potrebbe essere diversamente se , come le norme europee, ci costringeranno ad arrivare almeno al 65% della differenziata entro il 2012 , che ci metteremo nel costruendo e costosissimo nuovo forno di Bolzano?

Non vorremmo diventare la pattumiera della Regione oltre a essere già quella della Provincia , come conferma l’ arrivo dei fanghi carbonizzati di Termeno.

Claudio Vedovelli

M5SBz

Annunci

0 Responses to “Rifiuti cercasi: anche“taroccati””



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: