“ Siete andati tutti fuori tema”

In merito al consiglio comunale di Bolzano di ieri 31 3 2011 e alla  mancata iscrizione di Casa Italia nell’albo comunale delle associazioni.
Ieri sera siamo usciti dall’ aula, e non è stata una scelta indolore, per porre in rilievo un problema importante di democrazia e di regole.

Siamo consci e attenti al pericolo che ogni forma di fascismo (anche quello contro l’ ambiente) può rappresentare e siamo altrettanto convinti che  siamo tutti cittadini con il diritto di vivere con dignità, con le  proprie convinzioni al contempo rispettando quelle degli altri.

Escludere un gruppo di ragazzi che non solo hanno le carte in regola (regole che si è dato il Comune!) ma anche , fino ad ora, organizzato serate su temi diversi e interessanti, senza segni di apologia, solo perché si ritiene siano in contatto con gruppi neo o nuovi fascisti, ci pare sbagliato oltrechè rischioso.

Sbagliato, perché il rifiuto, il sentirsi respinti dalle istituzioni, potrebbe rappresentare un’ ulteriore spinta in braccia pericolose, ma soprattutto perché pone nelle scelte culturali della commissione,  improntate alla massima generosità per tutti, al di là di credi religiosi, politici, culturali ecc, delle discriminanti politiche, che seppur condivisibili nella sostanza, non sono state discusse in precedenza, nè era chiaro se realmente necessarie in questa associazione locale.

Meglio sarebbe stato dare la possibilità a questo gruppo di  avere un riconoscimento istituzionale e seguire con attenzione la loro attività, cercando di comprendere se ci possano essere segni di apologia di fascismo.

Così, oltrechè aver creato altri  “relitti”, quindi altri che si sentiranno discriminati, si è anche generato un pericoloso precedente che dovrà comunque essere chiarito al fine di trovare regole e criteri chiari e univoci nel futuro lavoro della stessa commissione cultura.

Questi i motivi della nostra scelta di uscire, apprezziamo le numerose dichiarazioni antifasciste della maggioranza, ma come dice spesso il presidente del consiglio comunale di Bolzano: “ Siete andati tutti fuori tema”, non di questo si trattava ieri sera, come  per noi non si trattava di una questione di direttori di ufficio o di gestione della cultura in generale, temi importanti che affronteremo in altro momento. 

Claudio Vedovelli                                                                 

Cons. com. Lista civica M5SBz

membro commissione cultura

Annunci

133 Responses to ““ Siete andati tutti fuori tema””


  1. 1 Pepo 10 giugno 2011 alle 13:53

    Scuse pubbliche e dimissioni.
    Stop.

    • 2 Paolo Guiotto 10 giugno 2011 alle 23:19

      Ma quanti cittadini devono ancora chiedere le dimissioni … così per saperlo!
      In modo da raggiungere tale numero in fretta e da chiudere la questione limitando il già notevole “danno d’immagine” creato in tutta Italia al M5S … a meno che qualcuno sia masochista a tal punto che bisogna assecondarlo.

  2. 3 "Se l'associazione ha le carte in regola"... 28 maggio 2011 alle 13:10

    Anche il Partito Nazional Socialista tedesco aveva “le carte in regola” quando partecipò alle elezioni del ’32…

  3. 5 bertolini federico 28 maggio 2011 alle 12:20

    SONO ANDATO FUORI TEMA
    Gentil Signor Vedovelli
    le scrivo inanzi tutto per scusarmi per la mia miopia e le mie errate valutazioni su questo avvenimento.
    Ho avuto modo di riflettere anche grazie all’aiuto di amici del movimento, e ho capito il perchè della sua posizione.
    Non posso che condividere la sua scelta,continuero a censurare le idee di Casa Italia o di Casa pound, ma plaudiro sempre colui che si schiera, a riscio di divenire impopolare, affinche “chiunque possa esprimere il proprie idee”. la ringrazio di avermi dato questa grande lezione di Democrazia.

  4. 6 sandro 27 maggio 2011 alle 18:37

    mio nonnno era un partigiano e ha combattutto gli eroi di casa pound sui monti per consegnarci questa nostra repubblica
    se questi emuli di ezra pound possono riunirsi in associazione è proprio grazie a mio nonno, non di sicuro ai loro eroi della X mas
    e di sicuro non voterò mai più il 5 stelle di grillo, visto che accetta gente del genere

  5. 7 halo! 26 maggio 2011 alle 21:52

    belli gli accordi sottobanco, stretti con la destra.

    cinquestelle? ma và alalà…

  6. 8 Pepo 26 maggio 2011 alle 13:05

    Scuse pubbliche e dimissioni.
    Basterebbero queste 2 stelle.

  7. 9 Stefano 26 maggio 2011 alle 12:24

    Ragazzi, invito TUTTI a seguire la discussione su
    così possiamo rispondere a tutti
    http://www.facebook.com/group.php?gid=106540399378629

  8. 10 Stefano 26 maggio 2011 alle 12:24

    Ragazzi, invito TUTTI a seguire la discussione su
    così possiamo rispondere a tutti
    http://www.facebook.com/group.php?gid=106540399378629

  9. 11 stefano 26 maggio 2011 alle 11:27

    ora capisco il vero significato che il vostro capo comico spirituale che destra e sinistra sono uguali, ma forse il movimento 5 stelle cambia nome in movimento sociale?

  10. 12 Diego 26 maggio 2011 alle 04:16

    Tu devi uscire immediatamente dal m5s

    Ci stai prendendo x i fondelli?

    Meglio sarebbe stato dare la possibilità a questo gruppo di avere un riconoscimento istituzionale e seguire con attenzione la loro attività, cercando di comprendere se ci possano essere segni di apologia di fascismo.

    Fuori subito dal movimento!

  11. 13 renzo 25 maggio 2011 alle 22:35

    Credo proprio che su questo blog non si voglia legittimare alcunche di fascista o autoritarista bensì denunciare le modalità di selezione di un associazione applicate dal Comune. Qualsiasi associazione che ha le carte in regola devo potersi iscrivere, poi va controllata e probabilmente è più facile farlo se è registrata che se è messa al bando. Piccola contraddizione pubblica giustificata dall’ eterno e “incolore” bisogno di far cassa: Casa Italia a Bolzano è in affitto dall’ edilizia agevolata! Probabilmente per quelle graduatorie lo statuto era effettivamente e in regola!!! E’ più facile farsi belli con l’antifascismo difacciata che con il quotidiano lavoro di informazione e di delegittimazione dell’ autoritarismo, della violenza, della discriminazione.

  12. 14 Michele Santarella 25 maggio 2011 alle 22:11

    Caro Claudio,
    sono neo consigliere comunale ad Alpignano per il M5S e mia figlia mi ha fatto notare questa notizia. Ho cercato di leggere quanto è stato scritto a riguardo. L’idea che mi sono fatto è che la decisione andava presa, partendo non da un punto di vista opinabile, ma da quanto si sa di oggettivo. Se quando ti fossi candidato nel M5S fosse venuto fuori che sei stato attivista di Casa Pound, saresti stato ammesso? Cosa fanno effettivamente di culturale che non offendano la dignità umana? Io sono disabile e quando sento parlare di retroscena fascisti, mi tornano alla mente cose terribili. Se questi ragazzi perseguono sofferenze generate dal loro “modo di pensare”, allora vuol dire che non hanno capito che la Democrazia è un altra cosa. Prendo a prestito da Platone :
    “Accade che il padre impaurito finisca col trattare i figli come suoi pari e non è più rispettato, che il maestro non osi rimproverare gli scolari e che questi si faccian beffe di lui, che i giovani pretendano gli stessi diritti dei vecchi e per non sembrar troppo severi i vecchi li accontentino.
    In tale clima di libertà, e in nome della medesima, non v’è più rispetto e riguardo per nessuno.
    E in mezzo a tanta licenza nasce, si sviluppa, una mala pianta: La Tirannia “.
    La Forza delle idee, trova energie valide se le idee sono buone e giuste. Mettersi contro queste persone non vuol dire escluderle, ma forse farle riflettere. In ogni caso questo atteggiamento benevolo, ha dato loro più forza alla possibilità di essere nel giusto.
    Se vogliamo che cambino 1000 parlamentari mafiosi, perché non possiamo chiedere a queste persone che nascondersi diestro l’Associazione Culturale fa ridere?
    Scusa la franchezza, ma per me è importante capire questa storia.
    Grazie,
    Michele

    • 15 Stefano 26 maggio 2011 alle 06:36

      ciao Michele,

      sono molto d’accordo con quello che dici, ma il discorso è un po’ diverso, in realtà nessuno appoggia CI o CP o FN, ma semplicemnte è stata presa una posizione contro la giunta comunale perchè NON ha rispettato la legge.

      E la legge è uguale per tutti.

      La conseguenza diretta di (anche) questa protesta è stata che il comune ha chiesto a CI una dichiarazione di antifascismo che non hanno mai fatto.

      Questo ha permesso, se me lo concedi, di dimostrare a chi ingenuamente poteva essere tratto in inganno, che CI è comunque fascista e probabilmente ha evitato che con la scusa della “discriminazione a priori”, CI accumulasse consenso.

      Come scriveva Claudio “siamo consci e attenti al pericolo che ogni forma di fascismo può rappresentare”, ma siamo anche consapevoli che è con la legge che bisogna fermare queste persone, non con l’abuso di potere, altrimenti chi segnerà il limite tra quello che è giusto e quello che non lo è?

      Eroi nazionali com Falcone e Borsellino hanno combattuto il male, ma lo hanno fatto seguendo la legge.
      Altrimenti tanto varrebbe prendere il mitra e sparare a tutti i politici? Non si può agire così, altrimenti non saremmo meglio di chi vogliamo combattere

      • 16 Noemi 26 maggio 2011 alle 09:55

        L’importante è seguire sempre la legge. Anche durante il fascismo c’era chi diceva così, e ti facevano bere l’olio di ricino!!! E’ la legge per l’uomo, non l’uomo per la legge!!

        Loro le leggi dello Stato manco le riconoscono! Per loro la Costituzione dovrebbe essere riscritta!

        Questo è il giustizialismo che mi fa rivoltare lo stomaco, quello del “ma è la legge”. Sì, ma loro sono fascisti! E la tua legge neanche la riconoscono!

        Si può discutere su come farli ragionare. Ma dargli spazio cosi facilmente non è un buon modo.

        Quindi le misure da prendere contro di loro avrebbero potuto limitarsi ad una mozione presentata durante il Consiglio, ma il gesto di uscire dall’aula (che di per sè è abbastanza forte ed è uno strumento di contestazione che ci si aspetta venga usato in discussioni più importanti) insieme ai destrorsi che aspettano solo che qualcuno di più giovane possa riprendere a sgranchirsi le mani… è quantomeno esagerato, per non usare male parole.

        All’inizio contraddicevo chi accusava il M5S di antipolitica, ma mi sono ricreduta, proprio per questo aspetto. Tutti quelli che vogliono fare politica sono uguali e legittimati a farlo? anche quelli che vogliono una dittatura e non una democrazia?

        Se mi rispondete sul fatto che però ai centri sociali di sinistra è permessa agibilità politica…dovreste informarvi un po’ di più. O sparire.

      • 17 Stefano 26 maggio 2011 alle 10:24

        Ciao Noemi,

        Capisco (e credimi più di quanto credi) il tuo desiderio di andare contro il fascismo.
        La protesta non era per CI, sarebbe stata fatta allo stesso modo se il comune avesse rifiutato una associazione
        di sinistra a priori, senza seguire le regole.

        M5S ha come punto fondamentale il rispetto della legge, e se la legge (come dici tu)
        è inadatta o limitata, l’unica soluzione è cambiarla democraticamente.
        Capisco che ritieni che “in questo caso” si possa fare un’eccezione, ma se inizi con le eccezioni
        non ne esci più, e perdi il senso del valore della legge.

        A norma di legge CI non sarebbe stata ammessa all’albo, visto che nello statuto (ma è una mia
        interpretazione) mancano punti fondamentali sulla democraticità e sul tipo di cultura che propone.

        Grazie (anche) a questa protesta, il comune ha agito secondo il regolamento, chiedendo all’associazione
        di presentare una dichiarazione di antifascismo (ovvero di democraticità).
        L’associazione non l’ha presentata e quindi non è stata ammessa.
        Se si fosse fatto subito così CI non avrebbe avuto spazio mediatico sui giornali locali, non avrebbe fatto
        manifestazioni ecc,…
        Tutte cose che gli fanno pubblicità.

        La protesta è stata fatta perchè la giunta bolzanina spesso non segue le regole e fa come vuole,
        ci sono infatti associazioni che a mio avviso non soddisfano altri requisiti, ma che vengono sovvenzionate
        lo stesso.

    • 18 Marked 26 maggio 2011 alle 12:02

      che sfoggio di prosopopea demagogica e parolaia. Se ti interssa sapere cosa fanno di “culturale”, prova a scoprire le loro iniziative, le loro conferenze, i dibattiti, le presentazioni di libri, il sostegno ad esempio ai terremotati dell’Abruzzo (non solo con donazioni, ma con fattiva mano d’opera nella ricostruzione, tanto che il sindaco di uno dei paesini colpiti li ha proposti per la cittadinanza onoraria) o magari prova a chiederlo direttamente a loro. Vedrai che ti risponderanno gentilmente e senza malmenarti, anche se sei disabile (che non s’è poi capito cosa c’entri…)

      • 19 Marked 26 maggio 2011 alle 12:05

        PS x noemi: la Costituzione stessa prevede in sé le norme e le procedura che consentono di riscriverla. Quindi, delle due l’una: o parlare di modifica della Costituzione è perfettamente legittimo, o la Costituzione è incostituzionale.

  13. 20 Stefano 25 maggio 2011 alle 16:21

    Salve a tutti, vi replico qui il commento al tutto postato anche su FB (dove è più semplice tenere una discussione)

    Credo che queste mosse mediatiche vanno prese con le dovute “molle”.

    Ci tengo a specificare che M5S Bolzano ha specificato nel suo statuto che si riconosce nei valori dell’antifascismo.
    E così è!

    Il caso citato qui è travisato in maniera incredibile, e politicizzato ancora di più.

    Il “sostegno” a Casaitalia in realtà non c’è mai stato.

    C’è stata una presa di posizione netta contro l’abuso di potere esercitato dalla giunta comunale.

    Il rifiuto dell’annessione di Casaitalia non è stato fatto infatti come da regolamento per l’iscrizione all’albo delle associazioni del comune, ma deciso a tavolino per “presunte attività neo-fasciste” dei membri dell’associazione, per riassumerla in breve.

    Come discusso a lungo nel post citato da Andreas (e in altri aggiungerei) l’iter seguito dalla giunta è stato completamente al di sopra del regolamento, che prevede infatti che l’apposita commissione esamini la domanda e deliberi, e che la giunta si opponga a tale delibera solo se sopraggiungono fatti o documenti non considerati dalla commissione.
    Premesso che io avrei rifiutato l’annessione per lacune nello statuto, va detto che la domanda non è nemmeno passata per la commissione ed è stata bocciata a priori.

    Il M5S ha discusso animatamente (e la maggior parte delle discussioni le trovate su FB) anche con persone di altre opinioni, sia favorevoli che contrarie al riconoscimento di CI come associazione.

    La questione è molto semplice in realtà, M5S di fatto non appoggia MAI qualcuno per appartenenza ideologica, ma di volta in volta per quello che fa in pratica.

    Casapound sta promuovendo il referendum per l’acqua pubblica, dovremmo quindi tutti essere a favore del NO per essere contro di loro? Non è così che abbiamo stabilito di agire.

    Militanti di Casapound vengono condannati per reati (attinenti all’apologia di fascismo, o altri), dovremmo difenderli? Non se ne parla proprio.

    Non si appoggiano le ideologie o le persone ma le idee e i singoli fatti.

    Io stesso ho avuto occasione di cooperare con un esponente di Unitalia che ha portato all’attenzione della stampa il problema delle onde Elettromagnetiche in città. Per altri motivi legati alla richiesta di parcheggi al posto di alberi con la stessa medesima persona ho avuto da ridire.

    Personalmente posso sottolineare che sono contro qualsiasi forma di dittatura, di apologia o di nostalgia per essa, sia questa fascismo, comunismo, o altro…ma allo stesso modo sono contro l’uso demagogico degli ideali dell’antifascismo e l’abuso del potere politico.

    Sono infatti pienamente d’accordo con le sentenze che hanno coinvolto alcuni degli stessi esponenti di CI per reati legati all’apologia di fascismo (condannandoli), anche se aspetto le sentenze definitive prima di poter avere la certezza del reato.

    Mi sarei anche trovato d’accordo con il rifiutare l’associazione a livello comunale, ma, a differenza della giunta, non per principio o preconcetto, ma perchè a mio avviso c’erano delle lacune nello statuto, e se il rifiuto si fosse basato su un’attenta analisi di CI e del suo statuto (come previsto dal regolamento) sono convinto che Claudio e Alberto avrebbero appoggiato la decisione della commissione.

    Quello che non è giusto, e per cui abbiamo posto il problema, è come la giunta comunale decida senza rispettare le norme, favorendo chi desidera e penalizzando gli altri sempre in base a clientelismi e/o favoritismi.

    Le leggi vanno rispettate da tutti, primi i rappresentanti pubblici, e non interpretate ad uso e consumo, e questo è quanto.

  14. 21 VEZIUCCIO 25 maggio 2011 alle 13:00

    IL CONSIGLIERE CLAUDIO VEDOVELLI E CHI LO SEGUE ..DIA LE DIMISSIONI E LIBERI IL MOVIMENTO DA UN CANCRO ,IL QUALE , LO DISTRUGGERA’ ,NON VORREI CHE LO FACCIA PER QUESTO , IN OGNI CASO SE TIENE AL MOVIMENTO ,PRENDA IN SERIA CONSIDERAZIONE , DI FARE UN’ASSEMBLEA PUBBLICA , CHIEDA SCUSA AI MILITANTI , E DIA LE DIMISSIONI , PER AVER FATTO UNA SCIOCCHEZZA EPOCALE , SE COSì NON FOSSE E GRILLO NON INTERVIENE PERSONALMENTE . AL PROSSIMO CONSIGLIO NAZIONALE O ALTRA OCCASIONE , QUESTO FATTO VERRA’ SOLLEVATO DISCUSSO. QUINDI PRIMA DI TRASCINARE IL MOVIMENTO AD UNA DIATRIBA INTERNA ,, CREDO CHE LEI SI DEBBA DIMETTERE , E RIFLETTERE SU COSA SONO I CASA POUND , CON CHI SONO COLLEGATI E DA CHI SONO SPALLEGGIATI

    • 22 Stefano 26 maggio 2011 alle 06:39

      ciao, l’assemblea c’è stata poco tempo dopo e nessuno ha sollevato questioni perchè i cittadini di BZ erano un po’ meglio informati sull’accaduto, purtroppo gli articoli in questi giorni hanno avuto il solo scopo di disinformare le persone, il discorso infatti è diverso, nessuno appoggia CI o CP, è stata semplicemnte presa una posizione contro la giunta comunale perchè NON ha rispettato la legge.

      E la legge è uguale per tutti.

      La conseguenza diretta di (anche) questa protesta è stata che il comune ha chiesto a CI una dichiarazione di antifascismo che non hanno mai fatto.

      Questo ha permesso, se me lo concedi, di dimostrare a chi ingenuamente poteva essere tratto in inganno, che CI è comunque fascista e probabilmente ha evitato che con la scusa della “discriminazione a priori”, CI accumulasse consenso.

  15. 23 Davide 25 maggio 2011 alle 12:56

    Franz Innerhofer è un mio lontano parente. Non sto scherzando.

  16. 24 Sergio 25 maggio 2011 alle 11:52

    Claudio Vedovelli, nel migliore dei casi sei un tipo poco sveglio.

  17. 25 giova 25 maggio 2011 alle 10:41

    FATTO!
    ho scoperto che casa italia nello stile e nei toni e negli ideali si rifa al fascismo senza mai nominarlo ovviamente.

    comuqnue avendo qui nella mia citta casa pound (non trovo grosse differneze tra i due siti e luoghi se permetti) non avrei avuto bisogno di andare sul sito, ma speravo casa italia fosse meno fascista di casa pound…cosi non è e forse è anche peggio.

    cmq ripeto quello che vedevo scritto sopra e che appoggio: il problema non è il sito, l’edificio (anche)…ma proprio le persone che vivono quella realta coprendo gli accoltellamenti dalle lotte sociali.

    questo lo dico perche da me all’universita ormai sono mesi che va avanti la storia che di sera gente viene picchiata, offesa, accoltellata, insultata per le piu svariate ragioni: se non si accetta un volantino se si ha il coraggio di dire che gli fa schifo il messaggio che trasmettono.
    nessuno spazio va dato a questa feccia!

  18. 26 robi 25 maggio 2011 alle 10:04

    A questo punto, oltre a prendevela con il M5S di Bolzano, prendetevela anche con il comune di Bolzano, di centrosinista, e con la Provincia, governata da chi dai fascisti ha subito estreme conseguenze, che affittano locali dell’ edilizia agevolata a Casa Italia.

  19. 27 alessandro 25 maggio 2011 alle 09:32

    La rete è una cosa fantastica, disse un comico…. e allora usala e informati, cerca su google youtube e social network informazioni su casapound. poi facci un riassunto di cosa hai scoperto.

  20. 28 giova 25 maggio 2011 alle 09:23

    ok basta!
    vi saluto dopo che sto tentando di capire come la pensiate e non ci sto riuscendo.

    libertà di parola e pensiero ai fascisti??? NO

    sia ben chiaro non perche come ha scritto qualcuno si vuole essere tutti uguali e non si accettano le posizioni altrui;

    la russa, gasparri ecc ecc possono dire quel che vogliono e non chiedo la chiusura del loro partito ANCHE se non la pensano come me…perche? perche hanno rinnegato il fascismo

    casa pound e casa italia non lo hanno fatto e come hanno gia detto pubblicamente non lo faranno mai

    se il movimento la pensa cosi allora non lo voterò piu e finisce li per me…

    e io che ci credevo veramente in questo movimento…

  21. 29 Dario 25 maggio 2011 alle 05:24

    Ci lamentiamo del fatto che in italia si pensa ancora come 90 anni fa, divisi tra comunisti e fascisti e poi diamo appoggio proprio alla peggiore delle derive?

    Da attivista del 5 stelle auspico che tu prenda presto le distanze dai fascisti e che questo venga fatto su tutto il terrirotio nazionale dal movimento

  22. 30 Mak 24 maggio 2011 alle 23:52

    Dando voce e credito alle fonti più tendenziose i media si stanno appllicando nell’esercizio del discredito del movimento grillino. Dopo la manipolazione del “Grillo busone” e le posizioni sul test antidroga dei grillini di Bologna o l’enorme assurda pressione sul balottaggio di Pisapia a Milano, adesso questi ripescano una notizia vecchia di mesi e la lanciano decontestualizzandola sapendo di avere facile presa sui sentimenti a scapito della ragione. Succede così che un ex grillino nostalgico dell’ortodossia comunista, abituato non al confronto dialettico e ad usare l’ideologia come uno strumento di studio ed interpretazione della realtà ma, appunto, a concepire l’ideologia comunista come una religione, posta una vecchia notizia su Indymedia. Da qui la diffusione della disinformazione.

    Il fatto del Consiglio Comunale riportato è vero ma vi sono una serie di lacune importanti, non ultima quella che non si tratta di CPI ma di CasaItalia un’associazione culturale che è soggetto giuridico autonomo ed il cui statuto e le cui attività culturali non sono state oggetto di critica. Il Comune ha cassato la domanda di inserimento nell’albo perché questi di CasaItalia sono “amici di” , “simpatizzanti per”.

    Siamo abituati a fare cosa è giusto e non a seguire il conformismo delle maggioranze bianche, rosse o nere che siano. Il clientelismo è la moneta di scambio della casta e la discriminazione politica è il rovescio di questa medaglia. La DISCRIMINAZIONE POLITICA, è un reato ed è anticostituzionale. Chi usa l’antifascismo come strumento di consenso non fa onore alla lotta partigiana. Quando poi la discriminazione viene esercitata dalla maggioranza come si chiama? Noi la chiamo autoritarismo…

    Chi professa l’antifascismno ma pratica l’autoritarismo non è degno del consesso democratico.

    Invitiamo tutti a non cadere nelle fin troppo facili strumentalizzazioni che si presentano.

    Andreas Perugini

    M5S Bolzano

  23. 31 Luca 24 maggio 2011 alle 23:33

    La discriminazione politica non è solo anticostituzionale ma anche contro i diritti universali.
    Discriminare chi non la pensa come noi INDEGNO
    Con la Lega al potere questa polemica è poi semplicemente ASSURDA!

  24. 32 Luca 24 maggio 2011 alle 23:30

    La libertà di pensiero e di espressione sono principi UNIVERSALI non solo costituzionali.
    Disciminare chi non la pensa come noi è INDEGNO e con la Lega al potere questa polemica è semplicemente ASSURDA!

  25. 33 domenico 24 maggio 2011 alle 22:34

    “non sono d’accordo su quello che dici, ma mi batterò fino alla morte affinchè tu abbia la libertà di dirlo”…..
    chi vuol far tacere una persona è esso stesso fascista. La libertà di espressione va professata proprio quando c’è qualcuno che dice cose che noi non condividiamo, non quando tutti sono d’accordo nel dire la stessa cosa.

  26. 34 Marco 24 maggio 2011 alle 22:09

    Il vostro comunicato è davvero ambiguo.
    Date degli autoritari a degli antifascisti, che se anche di sinistra non han mai detto detto di appoggiare alcuna forma di totalitarismo (comunista o di qualunque altro tipo), mentre voi sareste i democratici, identificando nella democrazia il sistema politico repubblicano e parlamentare che ha la pretesa di governare milioni di persone contenute all’interno degli stati nazione. Un sistema talmente democratico che si basa sull’esclusione della minoranza. E poi vi riempite la bocca con parole come autoritarismo..
    La democrazia parlamentare repubblicana è una forma di democrazia, ma non è storicamente l’unica possibile.

  27. 35 Nari 24 maggio 2011 alle 22:05

    Oh, non ci sto capendo più un cazzo.

  28. 37 SILVIO 24 maggio 2011 alle 20:41

    V E R G O G N A !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    AL MOVIMENTO E A GRILLO

    chi approva associazioni neo fasciste deve solo VERGOGNARSI

    per se stesso e per la melma che getta sulla storia di questo paese

    e non parlatemi di diritto di parola…o di furto dei doveri della magistratura chiariamo una cosa :
    LA MAGISTRATURA NON POTRA MAI CONDANNARE NESSUNO PER APOLOGIA DI FASCISMO!!!!

    è molto difficile ( ameno che non si mettano a fare la marcia su roma)…

    questi di casa pound/casa italia/forza nuova ecc ecc si nascondono nella legalita per picchiare di notte e succede da mesi e nessuno fa nulla !!!

    • 38 Stefano 25 maggio 2011 alle 16:41

      ciao Silvio,

      sono molto d’accordo con quello che dici, ma il discorso è un po’ diverso, in realtà nessuno appogia CI o CP o FN, ma semplicemnte è stata presa una posizione contro la giunta perchè NON ha rispettato la legge.
      E la legge è uguale per tutti.
      La conseguenza diretta di (anche) questa protesta è stata che il comune ha chiesto a CI una dichiarazione di antifascismo che non hanno mai fatto.
      Questo ha permesso, se me lo concedi, di dimostrare a chi ingenuamente poteva essere tratto in inganno, che CI è comunque fascista e probabilmente ha evitato che con la scusa della “discriminazione a priori”, CI accumulasse consenso.

      • 39 silvio 25 maggio 2011 alle 17:27

        grazie finalmente qualcuno che mi ha fatto capire come stanno le cose.
        ma scusa allora non è stata inserita nella albo?

    • 40 Stefano 26 maggio 2011 alle 05:59

      No, infatti,
      l’articolo che è stato pubblicato lo hanno pubblicato EX attivisti di M5S che sono stati allontanati (e da quel che so adesso hanno avuto querele da parte di uno dei nostri)
      e decontestualizza completamente l’accaduto e lo ingigantisce.
      la protesta non aveva lo scopo di farla inserire, ma che la giunta seguisse le regole, altrimenti se non le seguiamo per 1 ssociazione chi decide qual’è il confine tra giusto e sbagliato?

  29. 41 i604 24 maggio 2011 alle 20:25

    Fosse anche un ammirevole iato di democrazia tout-cour,
    bisognerebbe sapere chi ha fatto nascere e sostiene tali
    gruppi: gente che fece parte di ordine nuovo, servizi deviati, gladio.

    Tutt’altro che democrazia.

  30. 42 Lorenzo 24 maggio 2011 alle 20:03

    Faccio i miei complimenti al consigliere Vedovelli per la sua coraggiosa presa di posizione con la quale ha dimostrato veramente di essere un uomo libero.

    Non si curi dei commenti pieni di intolleranza lasciati da personaggi legati alla sinistra radicale, sono solamente in cerca di un pretesto per attaccare il Movimento 5 Stelle.

    • 43 GidanTKA 24 maggio 2011 alle 20:42

      Assolutamente d’accordo con te. Tutti i reazionari e i retrogradi stanno sfruttando questo fatto a scopo propagandistico per gettare fango sul Movimento. Grillo non ha mai supportato i fascisti. E io sono con lui.

  31. 44 Marked 24 maggio 2011 alle 19:46

    CasaPound non professa né discriminazione sociale né politica verso nessuno, non è razzista (nelle sue OSA sono ospitati anche africani e sudamericani), non è omofoba (ha firmato un documento di condanna dell’omofobia assieme alla deputata PD paola Concia, lesbica dichiarata) ma vedo che a certa gente le menzogne fanno ancora comodo.

    • 45 giorgio 25 maggio 2011 alle 11:06

      Si si, nelle occupazioni di casapound si ospitano africani e sudamericani, sì, ma per pestarli a sangue.
      BASTA CON QUESTE SCEMPIAGGINI, casapound è una “associazione culturale” neofascista, xenofoba e anti-semita, paravento per picchiatori di ogni ordine e grado, purché siano NAZISTI.

      http://www.ecn.org/antifa/article/357/AZIONI%20FASCISTE

      Qui l’elenco aggiornato di tutte le aggressioni fasciste di questi ultimi mesi.
      Ebbene sì, stranamente, tra queste spunta anche il nome di casapound!

      LA MEMORIA STORICA VA CONSERVATA!

      ciao

      • 46 Marked 25 maggio 2011 alle 21:31

        ridicolo. Questa sarebbe una prova? Proveniente dal ben noto sito ECN? Ma per favore. Quest’elenco ha il valore pratico, morale e giuridico di un asso di picche nella manica di un baro.
        Quanto alle altre affermazioni, sono calunniose, voglio sperare in buona fede. CasaPound non è affatto antisemita o xenofoba o nazista. Questi sono beceri luoghi comuni ripresi dagli stereotipi sul fascista tipo, propri di chi non ha mai nemmeno visto da lontano CasaPound.
        la memoria storica va conservata… non travisata con menzogne, luoghi comuni e storielle sui fascisti xenofobi, come se tutti i fascisti fossero uguali. Ma da chi scrive “associazione culturale” tra virgolette, perché si sa, “i fascisti non possono fare o avere cultura” non c’era da aspettarsi niente di meglio.

      • 47 Paolo Guiotto 25 maggio 2011 alle 23:23

        @Marked:
        Io ho letto questa intervista a Iannone di CasaPound Italia e fra le altre cose non ho capito cosa intende per rivoluzionario riferito a Hitler nella risposta alla domanda se era uno statista. Forse la chiave dell’essere o no nazista “potrebbe” essere questa, … che ne dici?

      • 48 Paolo Guiotto 25 maggio 2011 alle 23:26

        Scusate ho dimenticato d’inserire il link dell’intervista a Iannone:

        http://nerononpercaso.ilcannocchiale.it/?TAG=casapound

  32. 49 Stefano 24 maggio 2011 alle 19:01

    Tirato per i capelli intervengo di nuovo.

    “La DISCRIMINAZIONE POLITICA, è un reato ed è anticostituzionale. Chi usa l’antifascismo come strumento di consenso non fa onore alla lotta partigiana. Quando poi la discriminazione viene esercitata dalla maggioranza come si chiama? Noi la chiamo autoritarismo… Chi professa l’antifascismno ma pratica l’autoritarismo non è degno del consesso democratico.”

    Si vada a rileggere la Costituzione che è meglio.

    Vaneggiando di discriminazione e censura difendereste il diritto dei cannibali all’antropofagia.

    • 50 anna 24 maggio 2011 alle 19:15

      incostituzionale è il fascismo a casa mia…non la sua repressione che dovrebbe essere il dovere di ogni cittadino
      ripeto
      OGNI cittadino…

    • 51 irto 24 maggio 2011 alle 19:25

      stefano, ti sei risposto da solo, casa pound professa discriminazione sociale e politica e per cui non merita nessuna legittimazione e nessuno spazio_

    • 52 Paolo Guiotto 25 maggio 2011 alle 00:40

      ben detto!

  33. 53 laura 24 maggio 2011 alle 18:36

    Bene, complimenti oltre ad essere auto referenziali ora appoggiate anche i fascisti. Complimenti!

    Informatevi bene, so che uno dei vostri difetti è proprio la superficialità, ma in questo caso superate ogni limite. Casapound oltre ad essere finanziata dal comune di Roma grazie al sindaco poco presentabile Alemanno, non solo fa apologia di fascismo, ma agisce le proprie istanze con l’uso della forza che pratica e diffonde nei giovani, già vittime di un governo xenofobo e tendenzialmente aggressivo verso le minoranze e le opposizioni. Anche se volete azzerare tutto spero non vogliate abrogare la norma che vieta la ricostituzione del PNL. Accettare Casapound e permettergli di aprire una sede significa mettere il primo mattoncino verso la ricostruzione del partito più xenofobo e anti-democratico della storia dell’umanità. Un partito che usa e inneggia alla violenza come pratica politica. Informatevi sulle aggressioni a militanti, gay ed extracomunitari se no fate la figura dei buffoni e in questo caso anche dei simpatizzanti dei fascisti.

    Non credo che vi attirerà molte simpatie in chi vi ha votati

    • 54 Stefano 25 maggio 2011 alle 16:27

      ciao Laura,

      vorrei specificare che la questione non era aprire o meno la sede di Casaitalia (non casapound), ma se ammettrla o meno all’albo delle associazioni. Come spiegava (forse male) Claudio nella sua nota, se l’associazione ha le carte in regola (e non è detto che lo fosse) va ammessa, anche perchè nel caso specifico facendo così la si poteva controllare meglio. Ad ogni modo la presa di posizione di Claudio e Alberto non è stata a favore di CI, ma contro l’abuso della giunta comunale che non ha rispettato la legge.

  34. 56 Andreas Perugini 24 maggio 2011 alle 17:59

    La disinformazia usa l’emozione ed ignora la ragione
    Dando voce e credito alle fonti più tendenziose i media si stanno appllicando nell’esercizio del discredito del movimento grillino. Dopo la manipolazione del “Grillo busone” e le posizioni sul test antidroga dei grillini di Bologna o l’enorme assurda pressione sul balottaggio di Pisapia a Milano, adesso questi ripescano una notizia vecchia di mesi e la lanciano decontestualizzandola sapendo di avere facile presa sui sentimenti a scapito della ragione. Succede così che un ex grillino nostalgico dell’ortodossia comunista, abituato non al confronto dialettico e ad usare l’ideologia come uno strumento di studio ed interpretazione della realtà ma, appunto, a concepire l’ideologia comunista come una religione, posta una vecchia notizia su Indymedia. Da qui la diffusione della disinformazione. Il fatto del Consiglio Comunale riportato è vero ma vi sono una serie di lacune importanti, non ultima quella che non si tratta di CPI ma di CasaItalia un’associazione culturale che è soggetto giuridico autonomo ed il cui statuto e le cui attività culturali non sono state oggetto di critica. Il Comune ha cassato la domanda di inserimento nell’albo perché questi di CasaItalia sono “amici di” , “simpatizzanti per”. Siamo abituati a fare cosa è giusto e non a seguire il conformismo delle maggioranze bianche, rosse o nere che siano. Il clientelismo è la moneta di scambio della casta e la discriminazione politica è il rovescio di questa medaglia. La DISCRIMINAZIONE POLITICA, è un reato ed è anticostituzionale. Chi usa l’antifascismo come strumento di consenso non fa onore alla lotta partigiana. Quando poi la discriminazione viene esercitata dalla maggioranza come si chiama? Noi la chiamo autoritarismo… Chi professa l’antifascismno ma pratica l’autoritarismo non è degno del consesso democratico. Invitiamo tutti a non cadere nelle fin troppo facili strumentalizzazioni che si presentano. M5S Bolzano

    • 57 Paolo Guiotto 25 maggio 2011 alle 00:55

      @ Andreas Perugini:
      Per favore se hai tempo leggi questa info:
      Ascoli Piceno, 24 maggio – Arriva il Motoclub di CasaPound Italia. Si chiama Scuderie 7punto1 ed è una associazione sportiva dilettantistica legalmente costituita e registrata, con un proprio statuto e un coordinamento nazionale che ha sede ad Ascoli Piceno, presso i locali del Bolide, in via della Fortezza 7. L’iscrizione al Motoclub è aperta a chiunque, sia motociclista, sia scooterista, anche se non iscritto a CasaPound Italia e costa 15 euro per un anno.

      ”Scopo primario di Scuderie 7punto1 – spiega Stefano Luzi,
      responsabile del progetto per Cpi – è la promozione del turismo su due ruote come forma di aggregazione. Ma non solo: il motoclub è una emanazione diretta di CasaPound Italia e come tutte le realtà associative del circuito non conforme rigetta l’autoreferenzialità e si propone quindi di operare un’azione a carattere sociale, con particolare attenzione alle problematiche inerenti la sicurezza stradale. Tutti i giorni sulle nostre strade cadono dei motociclisti.
      Queste morti vengono spesso liquidate come frutto della ‘congenita’ spericolatezza del centauro, dimenticando che nella maggior parte dei casi una migliore manutenzione delle strade e l’adozione di sistemi per la sicurezza passiva di ultima generazione potrebbero evitare o limitare i danni derivanti da una caduta”.

      Come vedi il “margine di manovra” di CasaPound si allarga sempre più, a quando una scuola “confessionale” o giù di lì?

  35. 58 marco 24 maggio 2011 alle 17:58

    Approposito nella mia città il consigliere eletto con il Movimento Cinque Stelle è uscito ed è entrato nel gruppo della Lega Nord….. tal Balestrazzi…. e la città è Modena….. anche Balestrazzi non avrebbe votato Pisapia a milano… chissà perche?

  36. 60 paolo 24 maggio 2011 alle 17:57

    E comunque, dato che mi sembrate tutti belli furbi e informati, sappiate che qualque consigliere del movimento 5 stelle dopo sei mesi rimette il mandato alla volontà degli iscritti al movimento. Quindi se si sbaglia si è fuori.

    FUORI !!!

  37. 61 marco 24 maggio 2011 alle 17:55

    Mah………. destra e sinistra sono uguali no?????
    quindi la risultante è questa…. un movimento che nasce come antisistema e non fa propri gli ideali nati dalla resistenza e dall’antifascismo questo diviene: un movimento qualunquista, populista e pericoloso quanto il berlusconismo stesso…. Grillo come Masaniello (anzi magari…)

  38. 62 paolo 24 maggio 2011 alle 17:53

    “Non condivido ciò che dici ma morirei perchè tu possa dirlo”

    Tutta la vita antifascita, ma mi fa schifo che strumentalliziate questo. Vi riempite la bocca di giustizia, ma poi vi mettete alla stregua dei veri fascisti.

    Tutta la mia solidarietà a Claudio Vedovelli.

  39. 63 anna 24 maggio 2011 alle 17:47

    « “Fu questa svalutazione del fenomeno combattentistico il primo errore e forse il più fatale” »

    (Pietro Nenni in merito all’inizio del fascismo : Storia di quattro anni (1919-1922), Roma, Einaudi, 1946)

  40. 64 anna 24 maggio 2011 alle 17:45

    MA PER 2 VOTI BISOGNA VENDERSI AI FASCISTI????

  41. 65 fausto 24 maggio 2011 alle 17:45

    Mi sembra tutto abbastanza semplice. In Italia il fascismo NON HA più diritto di parola. E’ semplice, no? Mi sembra lo abbiano anche scritto da qualche parte.

  42. 66 renzo 24 maggio 2011 alle 17:40

    L’ italiano è antifascista a parole e a slogan e poi si comporta, come qualcuno in questi commenti, in modo più aggressivo e autoritario di quelli che vuole condannare. E’ questo il male dell’ Italia. Manca il senso civico e il rispetto umano. E adesso non datemi del filo fascista che molti di voi non vedono l’ora!

    • 67 irto 24 maggio 2011 alle 17:43

      ma mi spieghi il motivo per cui io dovrei rispettare chi si dichiara apertamente fascista (se non lo sai vatti a leggere il “manifesto” di casa pound)e predica intolleranza ??

      intollerante con gli intolleranti, non ci trovo prprio niente di male_

      • 68 cesi 25 maggio 2011 alle 13:26

        intollerante con gli intolleranti …quindi è un po’ un occhio per occhio dente per dente, un po’ come la pena di morte per gli assassini ….

      • 69 Marked 26 maggio 2011 alle 11:58

        citami quei passi del manifesto di CasaPound in cui si predica intolleranza…

    • 71 giorgio 25 maggio 2011 alle 11:09

      http://www.ecn.org/antifa/article/357/AZIONI%20FASCISTE

      OCCHIO GENTE, CASAPOUND MENTE!

      amico 5 stelle, informati meglio prima di inventarti campagne a favore della libertà d’espressione di gente che è L’ANTITESI DELLA LIBERTA’ D’ESPRESSIONE.

      Fratelli partigiani,
      non siete morti in vano!!

      LA MEMORIA STORICA NON DEVE MORIRE MAI!

      vedovelli & co, se ci sei, sei un ignorante,
      se ci fai, sei un ipocrita VENDUTO.

      non ti voterò MAI!

  43. 72 Luca 24 maggio 2011 alle 17:22

    è una vergogna, che voi che dichiarate di star facendo una rivoluzione politica, che vi dichiarate pieni di contenuti, andate a schierarvi con quei 4 fascisti di casa pound, per cosa, per consentirgli di mascherarsi dietro false ideologie, e in realta portare avanti lìideologia fascista. Vergogna,non votero mai per un movimento che da aiuto ai fascisti..

  44. 73 Filippo 24 maggio 2011 alle 17:14

    Non sono sicuro che sia conveniente dire che tutti sono uguali e quindi dare spazio anche a quelli di Casa Pound.

  45. 74 Giuliano 24 maggio 2011 alle 17:09

    I ragazzi in questione non si fanno problemi ad aggredire – e poi a denunciare – ad occupare – e poi a farsi comprare stabili – e ad accaparrarsi posizioni di comodo e di potere in tutto il panorama politico italiano. Se è vero che la legge non ammette ignoranza, e che la democrazia funziona con le regole che ci diamo, perché abbiamo come Presidente del Consiglio un rappresentante della criminalità organizzata e vari fascisti in ogni posizione di comando? Forse perché siamo stati troppo attenti alle regole e poco alla sostanza, direi.

  46. 75 Marco 24 maggio 2011 alle 16:29

    Eccoli che tirano fuori la questione della legalità e dello stato di diritto! Ci mancava proprio è! Come se la legge fosse un dispositivo neutro.. eppure avete il coraggio di criticare le leggi ad personam del premier..

    La questione è che a mio avviso non si dovrebbe dare spazio ed agibilità politica a nesuno di questi gruppi, men che meno fondi. La questione che in democrazia tutti dovrebbero avere il diritto di dire la propria ci può stare, ma non coloro che si rifanno al fascimo, che in quanto regime unico di pensiero è la negazione assoluta della democrazia.

    Non è una questione di legalità o meno ma una questione di etica. E trovo sconcertante che un politico siede in consigglio non ci arrivi.

  47. 76 Renato Padoan 24 maggio 2011 alle 16:24

    a volte la sinistra è più fascista dei fascisti…

    Dicono i beceri destri che l’estremismo comunista ha fatto più morti del nazismo… come dargli torto, come non sentirsi umiliati da questa considerazione, quando in nome della libertà e della democrazia si compiono genocidi durati un secolo?

    Non è questo il modo di comportarsi di un progressista collettivista, non è questo il modo di comportarsi di gente di sinistra.

    Sono talmente antifascista che schifo anche quelli che non lasciano esprimere le idee a un fascista. I commenti qua sopra potrebbero stare benissimo nei forum di casapound, basta invertire soggetti e complementi oggetti.

    La differenza tra noi e loro è questa: noi alla democrazia ci crediamo davvero. E i cazzari li sbugiardiamo in pubblico, non li imbavagliamo emarginandoli dalla società perchè non siamo fascisti e crediamo nella costituzione.

    Vediamo di fare un respiro e capire cosa è successo, invece di inveire con una persona che è uscita dall’aula per non partecipare a una decisione che gli ha dato forti dubbi.

    Non mi sembra che abbiano osannato casapuond o si siano alleati con Storace… Ci andrei molto piano con gli ostracismi.

    Massima solidarietà a Vedovelli fino a che chiarezza non sarà fatta!

    • 77 Matteo 24 maggio 2011 alle 16:28

      Mi sto rendendo conto che i grillini non sono neanche così informati come dicono di essere. Qui non c’è censura. Si parla dell’opportunità o meno di accogliere una associazione nel registro delle forme associative. Non è obbligatorio che una associazione sia iscritta al registro, e non è automatico che il comune la accolga. Non stiamo parlando di censura. Studiate prima di parlare

    • 78 Nari 24 maggio 2011 alle 16:59

      Allora, toglietemi una curiosita: cosa deve avere una forma associativa? Quali sono i requisiti UFFICIALI?

  48. 79 Simone 24 maggio 2011 alle 16:22

    Caro Consigliere Vedovelli, lei parla di tolleranza e democrazia, che devono essere applicate anche con questo genere di associazioni(a delinquere mi permetto di aggiungere), ma le sfuggono alcuni punti molto importanti all’interno della sua lacunosa argomentazione:
    1) LA DEMOCRAZIA ha la storia e il progresso storico come una delle sue basi necessarie, e la storia ha già giudicato il Fascismo quindi esso non ha più alcun diritto di chiedere di essere riammesso nel dibattito democratico, nè di pretendere una tolleranza che non ha mai avuto per gli altri (si può tollerare l’intollerante? Locke diceva di no e non posso contraddirlo), se non facciamo così da domani avrebbero diritto di esistere il partito monarchico, il partito dei comuni del 500, il partito dei medici, il partito dei proconsolati romani ecc ecc
    2) CASA ITALIA è AFFILIATA A CASA POUND ed evidentemente lei ignora i modi di agire di queste persone vorrei elencarglieli brevemente: violenza contro uomini E DONNE in quanto omosessuali, di sinistra, stranieri, fumatori di erba, o magari anche solo perchè li avevi guardati nel modo sbagliato, io non credo che questa gente meriti un riconoscimento ( o peggio ancora aiuti e finanziamenti) dal comune e mi inquieta pensare che all’interno del movimento 5 stelle ci siano persone vicine alle esigenze fasciste vorrei tanto sapere la posizione di Grillo su questo tema visto che dice che destra e sinistra fanno ugualmente schifo ma lei che è suo uomo a bolzano evidentemente nn la pensa così, ci rifletta e si informi la prossima volta

    • 80 Luca 24 maggio 2011 alle 23:36

      ti do una notizia bomba: il partito monarchico NON È ILLEGALE!

      • 81 Simone 24 maggio 2011 alle 23:53

        si lo so e ti do un altra notizia bomba LIBERO (il quotidiano) prende una valanga di soldi l’anno in quanto si presenta come l’organo di stampa del partito monarchico, ma uno dei problemi in questa italietta è che sembra che ormai non vada bene sl ciò che è illegale e questa è una triste ristrettezza mentale, cosa significa che il partito monarchico o un partito di stampo fascista siano illegali o meno, sono contro ogni senso etico e morale di questo stato e non serve impugnare leggi per dire che non è necessario concedere ad essi finanziamenti e riconoscimenti, poi a fare i pignoli la nostra costituzione dice che “L’Italia è una repubblica” “una e indivisibile” come pensi di conciliare questo con una ipotetica instaurazione monarchica?

  49. 82 Matteo 24 maggio 2011 alle 16:20

    Non parliamo di liste o di elezioni, ma del registro delle forme associative, dal quale si possono chiedere contributi etc etc. Un bollino del Comune a una associazione. Stiano liberi di fare quel che vogliono, ma senza la legittimazione del Comune. E’ chiedere troppo?

  50. 83 Ilenia 24 maggio 2011 alle 16:12

    No, non hai capito. Non è che è stata detta una cazzata, non li hanno fatti proprio entrare, è diverso.

    Da Wikipedia:

    “Per censura si intende il controllo della comunicazione o di altre forme di libertà (libertà di espressione, di pensiero, di parola) da parte di una autorità.”

    Censura politica

    “…la censura politica impedisce a individui, associazioni, partiti e mezzi di informazione di divulgare informazioni ed esprimere opinioni contrarie a quelle del potere esecutivo.”

    Non sarà la censura mediatica, ma sempre censura è, perché non viene rispettato il diritto di parola o espressione.

    • 84 Ilenia 24 maggio 2011 alle 16:17

      E sì, le dici le cazzate. Anche in consiglio comunale. Le dici e dopo gli altri hanno tutto il diritto di dirti che non vanno bene. Ma le tue idee le hai dette, anzi, le devi dire.

      • 85 Simone 24 maggio 2011 alle 16:28

        Vuoi lasciarli parlare che parlino pure (io onestamente nn credo abbiano qualcosa di intelligente da dire cmq), ma non possono e nn devono avere riconoscimenti, finanziamenti o legittimazioni dalle istituzioni italiane questo no, e tra l’altro parlando per esperienza questi parlano moolto poco (un consigliere comunale di Fiamma tricolore della mi città di almeno 30\35 anni una sera a visto me e un mio amico che attacavamo dei manifesti per un corteo scolastico è sceso dalla macchina con un martello, UN MARTELLO, e ha provato a colpire il mio amico, e avevamo 17 anni io e 16 lui, questa gente conosce e vive sl per la violenza e la loro ignoranza non merita l’ascolto e i fondi d’una società civile

  51. 86 renzo 24 maggio 2011 alle 15:42

    Mi sto leggendo il resto del blog e non mi pare proprio un destro il grillino Vedovelli!

    • 87 Matteo 24 maggio 2011 alle 15:45

      ancora peggio allora

      • 88 Ilenia 24 maggio 2011 alle 15:49

        Matteo, prova a ragionarci su.
        Sei antifascista? Bene, anche io.

        Però non si può proibire ad una persona di dire la propria. Può dire una cazzata, ma deve poterla dire, o la legge non è uguale per tutti.

        È censura. È sbagliata quando la applicano ai giornalisti, ma è sbagliata anche quando la si applica agli altri.

        Quando per la strada incontro dei fascistelli, li lascio parlare. Solo alla fine rispondo loro. Perchè il diritto di parlare e dire la propria devono averlo. Per quanto siano dei coglioni.

      • 89 Stefano 24 maggio 2011 alle 15:53

        Le cazzate le dici. Non in consiglio comunale/provinciale/regionale o dove diavolo è. Che faccia una consistente retromarcia e ci guadagnamo tutti. E che Ilenia usi argomenti delicati come la “censura” in modo più appropriato. Da Genova passo e chiudo spero non per sempre.

  52. 91 renzo 24 maggio 2011 alle 15:13

    Spunto di riflessione: compagni, provate a rigirare la frittata e immmaginate un sinistro futuro nel quale una giunta di centro dx discrimini un’associaizone di sinistra definendola “mangiabambini” senza neppure leggerne lo statuto?

    • 92 Ilenia 24 maggio 2011 alle 15:23

      Anche tu hai ragione. Sinceramente mi trovo combattuta.
      Non è giusto escludere una lista senza permettergli di parlare, è censura. E la censura è sbagliata sempre, anche se a parlare è uno che ha delle idee di partenza non concordi con noi.

      Mi ricordo una frase che citava:

      Non condivido la tua idea ma lotterò fino alla morte affinchè tu possa esprimerla.

      Quindi, effettivamente, non è giusto escludere uan lista, per quanto possa essere brutta l’ideologia che esprime.

      Però… sai, il timore verso certe cose c’è sempre e lo testimoniano gli antifascisti che hanno postato qui. Io sono contro il fascismo, il nazismo, verso tutti i regimi totalitari.

      Ma la correttezza è la correttezza, forse ci stiamo facendo un po’ trascinare dalle emozioni e non ragioniamo con lucidità.

      • 93 Paolo Guiotto 25 maggio 2011 alle 00:28

        Ma guarda che CasaPound Italia non è una lista, è una associazione culturale sotto mentite spoglie; è come come far fare uno spettacolo all’Asilo ad una “compagnia di pedofili” se così può rendere l’idea.
        Fare una ricerca in rete digitando “CasaPound Italia” è d’obbligo prima di prendere le difese di questi baldi ragazzotti!

    • 94 anna 24 maggio 2011 alle 16:35

      la costituzione si basa sull’antifascismo e non sull’anti sinistra (o anti comunismo)…
      e per ragioni storiche:il nostro paese ha sofferto a causa del fascismo.
      cosi come in polonia è vietata la falce e martello (sempre per ragioni storiche…li hanno sofferto per il comunismo)

      io credo sia molto pericoloso in Italia in un periodo in cui la lega prende milioni di voti (????) legittimare anche i neo fascisti.

      vorrei ricordare comunque a tutti che anche il fascismo nasceva grazie alla legalità di cui era coperto…saltando all improvviso nell illegalità…

      e vorrei specificare che intendo dire con all’improvviso: non da un giorno all’altro (pestavano gia da 4 anni prima del delitto Matteotti)…ma solo con il delitto matteotti mussolini si è preso la responsabilità delle proprie azioni…quando ormai per l’italia era troppo tardi: era già un covo di fascisti (mio nonno per primo)

      il fascio era coperto dal re …
      casa pound è coperta dalle regole dell’albo…

      come i facsisti andavano a bastonare chi scioperava quelli di casa pound vanno ad accoltellare gli immigrati e i gay…

      ripeto non dico che casa pound non rispetta le regole, ma dico che quelli di casa pound sono dei picchiatori e se permettete io non vorrei dare nella mia citta un posto a questi picchiatori per organizzarsi…

      non aspetterò di certo che diventino un associazione capillare per tentare di smantellargli tutte le sedi

  53. 95 Ilenia 24 maggio 2011 alle 15:11

    No, non sono d’accordo con questa scelta. Ben venga la correttezza e tutti sullo stesso piano, ma… con cautela.

    Se veramente ‘sti ragazzi sono violenti e fanno di tutto e di più alle spalle, non va bene, devono stare lontano da noi.
    I fascisti sono delle pessime persone. Il fascismo nella sua totalità è un’ideologia sbagliata.

    Vedovelli, te lo dico da sostenitrice ferrea del M5S: hai fatto ‘na cazzata.

    Ammetti il tuo errore, la tua ingenuità, perché non credo che tu lo abbia fatto apposta, penso solo che non fossi a conoscenza di quello che effettivamente ‘sta gente combina. Non ti sei informato, ecco.
    Però, ti prego, non rovinare tutto. Ammetti il tuo errore.

    Non rovinare tutto.

  54. 96 Fabio Alemagna 24 maggio 2011 alle 15:00

    Perdonate se sarò l’unica voce fuori dal coro tra i commentatori: esistono delle regole, mi par di capire, perché un’associazione possa essere iscritta all’albo, giusto? In questo caso quale di queste regole è stata infranta?

    Qui la questione va al di là delle personali opinioni, qui la questione si incentra sullo Stato di Diritto.

    • 97 Ilenia 24 maggio 2011 alle 15:12

      Hai ragione anche tu, Fabio.

      Infatti secondo me, volere applicare la neutralità totate è stata una cosa giusta, ma bisogna tenere gli occhi aperti.

      • 98 anna 24 maggio 2011 alle 16:14

        rispettare le regole per l’apertura di una sede di un circolo è una cosa (servizi igienici, pulizia, finestre ecc ecc) e magari casa pound ha anche tutto in regola, ma cio non impedisce ai suoi membri (in tutti i sensi 😉 ) di fare quel che vogliono FUORI dalla sede.

        il tuo dubbio ha senso perchè probabilmente non conosci/vivi la realtà casa pound nella tua città, o forse non ne sei colpito in prima persona (magari non essendo gay o immigrato o squatter…o altre categorie a rischio accoltellamento).

        io sono di napoli e da mesi si sentono accoltellamenti nella mia città a causa di esponenti di casa pound (non all interno dell’associazione….di per se legale, ma all’esterno…resta però sempre la stessa gente: uno addirittura candidato con lettieri) basta che clicchi su google e li trovi.

    • 99 anna 24 maggio 2011 alle 16:13

      rispettare le regole per l’apertura di una sede di un circolo è una cosa (servizi igienici, pulizia, finestre ecc ecc) e magari casa pound ha anche tutto in regola, ma cio non impedisce ai suoi membri (in tutti i sensi 😉 ) di fare quel che vogliono FUORI dalla sede.

      il tuo dubbio ha senso perchè probabilmente non conosci/vivi la realtà casa pound nella tua città, o forse non ne sei colpito in prima persona (magari non essendo gay o immigrato o squatter…o altre categorie a rischio accoltellamento).

      io sono di napoli e da mesi si sentono accoltellamenti nella mia città a causa di esponenti di casa pound (non all interno dell’associazione….di per se legale, ma all’esterno…resta però sempre la stessa gente: uno addirittura candidato con lettieri) basta che clicchi su google e li trovi.

      • 100 Fabio Alemagna 24 maggio 2011 alle 16:16

        Conosco perfettamente Casapound, ma non c’entra con il punto. Le regole in base alle quali si accetta un’associazione nell’albo prevedono la contemplazione e la soggettiva discriminazione delle attività politiche, peraltro mai condannate legalmente, dei suoi membri?

        Sono un convinto antifascista, e proprio per questo convinto sostenitore del fatto che la democrazia è una questione di regole uguali per tutti.

        Uno Stato di Diritto non ammette discrezionalità.

    • 101 Paolo Guiotto 24 maggio 2011 alle 23:08

      Con l’uso delle attuali regole allora è giusto che anche gli indagati e condannati siedano in Parlamento! Perché il M5S non “garantisce” anche loro?
      Forse non mi pare sia questo il volere del M5S. E cioè far rispettare regole già date ma forse “tornare” alle Regole Morali del buon senso che tanto piacciono al “buon Beppe”.

      • 102 Fabio Alemagna 24 maggio 2011 alle 23:17

        Infatti noi abbiamo proposto una legge per cambiare le regole, non ci saremmo mai sognati di negare il diritto di candidarsi a chi, pur condannato per reati non colposi, con le vigenti leggi può candidarsi.

        In democrazia PRIMA cambi le regole, POI agisci, non il contrario. Ovviamente la CRITICA politica non ha bisogno d’aspettare che le leggi cambino, è anzi proprio grazie alla CRITICA politica che si crea il movimento necessario affinché si raggiunga il numero sufficiente di voti per far cambiare una legge.

        Ricordate che questo è uno Stato di Diritto.

  55. 103 manuela 24 maggio 2011 alle 14:50

    Una decisione come questa non si sa nemmeno COME discuterla…

    Il minimo da fare come membri del M5S è richiedere alla lista di Bolzano chiarimenti.

    Voglio sapere tutto su come è stata presa questa decisione:

    assemblea ?

    Voglio sapere TUTTO anche del gruppo casa Italia …

    Poi ne riparliamo

  56. 104 Matteo 24 maggio 2011 alle 14:49

    Devo dire che non sono per niente sconvolto, questa è la logica conclusione di chi dice che gli altri sono tutti uguali, nel male e anche nel bene. E comunque non si dice “relitti”, si dice “reietti” (altro classico argomento di copertura…). Forse oltre ai DVD di grillo dovreste studiare un po’ di storia d’Italia

  57. 105 emiliano 24 maggio 2011 alle 14:39

    agghiacciante… non ci sono parole per definire l’abbominio che il movimento sta diventando. 😦

  58. 107 Silver Surfer 24 maggio 2011 alle 13:56

    Da quand’è che il MoVimento condivide i “valori” di casa pound? Ma il gruppo M5S di Bolzano che dice? E’ stata una decisione collettiva o solo tua?
    Comunque complimenti per la cazzata che avete fatto! Per colpa vostra l’intero MoVimento nazionale verrà messo sotto accusa, Vedovelli fai dietrofront e anche alla svelta.

  59. 108 giuseppe 24 maggio 2011 alle 13:56

    Sono stato tentato una sola volta di votare M5S, ma dopo questo sono certamente vaccinato, non mi infettero con chi arriva a sostenere i fascisti di casa pound.

  60. 109 antifa 24 maggio 2011 alle 13:34

    Delusione per il M5S. Comunque meglio saperle prima certe cose piuttosto che dare il mio voto a chi supporta i neofascisti di casap0und.

    Antifascisti sempre.

    • 110 Enrico Baratelli 24 maggio 2011 alle 13:57

      per cortesia, non facciamo di tutta l’erba un fascio. Spero bene che questa situazione imbarazzante venga risolta…

  61. 112 Enrico Baratelli 24 maggio 2011 alle 13:29

    Buongiorno.
    Seguo il meetup di Beppe di Genova (attualmente il “gruppo storico dal 2005”) dall’8 settembre del 2007, il primo V-Day.
    Sono contento che quello specifico “gruppo di ragazzi” di casapound, abbia presentato delle “serate interessanti e senza apologia”, in quell’ambito. Altrove non è stato così. Altrove, vedi piazza Navona, gruppi, non meglio identificati, hanno aggredito una manifestazione studentesca.
    Ecco un video esplicativo… http://www.youtube.com/watch?v=Gnpl4NljDso
    Blocco studentesco casapound… chiaro il concetto?
    Un conto è fare democrazia dal basso, come fa il MoVimento 5 stelle, come hanno fatto i meetup, un altro è spacciarsi per bravi bambini in pubblico, e poi presentarsi in corteo con spranghe e cinghie.
    Sperando in un vostro dietro-front, vi saluto. Ciao!

  62. 113 Col. biologia 24 maggio 2011 alle 13:10

    Che vergogna… ora anche a proteggere i peggiori picchiatori d’Italia…

    VERGOGNA!

  63. 114 Collettivo Red Militant 24 maggio 2011 alle 13:09

    Da Catania non ve lo mandiamo a dire: FATE PENA! Siete solo un altro gruppo che porta confusione e incertezze.

    Se non siete capaci di capire chi è il nemico di questa società e quali sono i suoi servi… cambiate mestiere!

    CONTRO IL FASCISMO! SEMPRE E COMUNQUE!

    VERGOGNA!!!!

  64. 115 Arturo 24 maggio 2011 alle 13:06

    Vedere che il gruppo della non politica arriva anche a sostenere casa pound fa veramente ribrezzo!

    SERVI! TIRATE FUORI LE PALLE E STATE DALLA PARTE GIUSTA!

    ANTIFASCISTI SEMPRE!

  65. 116 Fabio Corigliano 24 maggio 2011 alle 12:27

    Vedovelli te lo spiega Borghezio come ragionano i fascisti.

    Guarda il video, ti ricorda nulla?

  66. 117 salvatore 24 maggio 2011 alle 11:35

    siete veramente fuori , sono quelli che dicono di non fare apologia al fascismo e poi girano per le strade a picchiare extracomunitari e omosessuali. sto political correct con sta gente non lo sopporto proprio. Sono lupi travestiti da agnelli dare spazio a questa gente significa dare spazio al bieco fascismo. L’antifascismo deve essere un dovere per chi è italiano.

  67. 118 andrea 24 maggio 2011 alle 10:30

    i fascisti usano il punto di forza della democrazia -tutti possono esprimere le proprie opinioni- come un punto debole: anche loro quindi vogliono poter esprimere e diffondere le loro aberrazioni

  68. 119 Pasquale Caterisano 24 maggio 2011 alle 10:25

    Ma che cazzo fate!!! sono fascisti.

  69. 120 santillo 24 maggio 2011 alle 10:03

    sì però quando i loro compari di roma han beccato un mio amico punk a termini non gli hanno mica fatto tutto ‘sto pippotto , lo hanno soltanto corcato di botte. Questa è la casapound che io conosco. Poi se voi stando rinchiusi in una stanza parlando dalla comodità delle vostre poltrone o tramite fecciabook o blog non vi rendete conto di ciò che succede per strada e vi fate prendere in giro persino dai poundini (che diciamocelo non brillano per astuzia) forse qualche domanda ve la potreste porre.

  70. 121 luca SP 24 maggio 2011 alle 09:25

    Non so se credere alla favola dei “ragazzi con le carte in regola”.. o ai presunti buoni sentimenti di questo sedicente consigliere comunale a 5 Stelle che ha ritenuto lecito accogliere questi ragazzi per non farne dei “relitti”.. So solo una cosa, nel MoVimento 5 Stelle non ci si fa prendere per i fondelli e soprattutto ci si informa correttamente PRIMA. Hai preso una bella cantonata e per dignità dovresti dimetterti immediatamente. Non c’è spazio per improvvisatori superficiali !

  71. 122 paolo papillo 24 maggio 2011 alle 08:48

    ho assistito alla nascita del mov 5 stelle e tu mi sembri che centri con il mov come i cavoli a merenda. non si può accettare nessun confronto con i fascisti, chiaro.
    porterò la cosa in discussione in rete e poi se ne riparla.
    di certo non hai reso un buon servizio al mov, sei un dilettante allo sbaraglio.

  72. 123 anna 24 maggio 2011 alle 06:08

    Beh sembra evidente, con questa presa di posizione, che ancora una volta il movimento si attesta sulle vie del populismo, che già in passato ha fatto molti danni.

    leggittimare casa pound, o altre “case” ad essa collegate, in un paese che si fonda sull’antifascismo, non dovrebbe mai accadere.

    la maschera “intellettuale” che queste pseudo associazioni portano sono solo una facciata, basta vedere i recentie comportamenti notturni di casa pound napoli e roma

    D I S G U S T O

  73. 124 Claudio 24 maggio 2011 alle 00:18

    I ragazzi del movimento hanno agito secondo i propri principi per difendere la libertà di parola e organizzazione,senza pregiudizi.Fosse stato per me quei fascistelli non si sarebbero nemmeno avvicinati in sala consigliare,ma non pretendo di avere ragione perchè riconosco di essere un estremista e la società non ha bisogno di questo.Tra l’altro non capisco perchè tutte le volte che un fascistello alza la cresta c’è sempre e solo uno all’estremo opposto a dargli adito,è ridicolo..cioè gli fanno più pubblicità i “comunisti” che non i loro stessi simpatizzanti!!

    • 125 VEZIUCCIO 24 maggio 2011 alle 19:14

      HA RAGIONE PAOLO PAPILLO . TU COL MOVIMENTO , SEI COME IL CAVOLO A MERENDA .

      • 126 Marked 26 maggio 2011 alle 11:57

        e tu scrivi scemenze colossali. CasaPound non c’entra niente e non ha alcun collegamento con Forza Nuova, Fioravanti, Fiore, l’Italicus e cazzate assortite. Non sai di cosa stai parlando, discuti su cose di cui non hai cognizione alcuna. Purore vorrebbe che tacessi.

  74. 127 irto 23 maggio 2011 alle 21:43

    si vede che non siete ferrati in materia e non conoscete le abitudini di casa pound e soci; chi fà politica nelle strade sà molto bene che loro mostrano la faccia buona per entrare nelle situazioni, e poi quando sono sicuri della loro posizione fanno uscire a piccole dosi la loro vera faccia, quella di fascisti, che siano del secondo o del terzo millennio poco importa, sempre fascisti rimangono__

    • 128 Marco 23 maggio 2011 alle 22:44

      QUalche settimana fa a Napoli “i bravi ragazzi” di casa pound, che secondo lei “non farebbero apologia al fascismo” hanno accoltellato dei coetanei perchè bollati come di sinistra. Se cerca in rete con un poca di pazienza può anche trovare le foto. E’ stata solo fortuna che non ci sia scappano il morto.
      Come fa a non ricordarsi le immagini che hanno fatto il giro d’Italia di questi sedicenti decratici che in piazza navona picchiarono i ragazzini delle superiori armati di manici di picconi tricoleri?

      In questo sito può trovare il lungo curricolum di questi individui non propriamente democratici.

      http://www.ecn.org/antifa/

      Se lei si ritiene democratico, perchè dovrebbe offrire sponda politica con un gruppo dichiaratamente “non democratico”. E il vostro sarebbe un partito progressista? Più che altro la sua posizione mi pare qualunquista.

      Saluti antifascisti

      • 129 VEZIUCCIO 24 maggio 2011 alle 19:07

        SIGN CLAUDIO .RICORDO CHE LE LEGGI DELLO STATO .VISTO CHE SI PARLA DI RISPETTARLE IMPONE, CHE CHI FA APOLOGIA DI FASCISMO COMMETTE REATO .PER IL FATTO .CHE IL FASCISMO E’ UNA FORMA DI ANTISTATO VIOLENTO IL QUALE NON DA DIRITTI .MA SOLO PALLOTTOLE E MANGANELLO NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI, PORTANDOCI ALLA DISTRUZIONE.QUINDI PARLARE DI SOCIETA’ PARTECIPATA E DIFENDERE CHI SI E’ PER SCELTA ALLEATO COL DIAVOLO FASCISTA E’ UNA PRESA PER IL CULO .MA FORSE A BOLZANO SENTONO IL VENTO XSENOFOBO LEGHISTA E LO CONFONDONO. POI FATE TUTTE LE GIRAVOLTE PER PRENDERCI PER IL CULO..IO NON STO CON I CASA POUND FASCISTI COLLEGATI A FORZA NUOVA DEL TERRORISTA NERO ,FIORE SCAPPATO DOPO LA STRAGE DELL’ITALICUS ,CON ALTRI 15 FASCISTI DI QUI IL CONDANNATO PER DIVERSI OMICIDI ,IL FIORAVANTI ,IL QUALE HA SCONTATO LA PENA.ANCHE MUSSOLINI OGNI TANTO ACCAREZZAVA I BAMBINI- MA POI LI HA UCCISI O MANDATI A MORIRE

  75. 130 fausto 23 maggio 2011 alle 21:27

    Non sono ragazzi, sono fascisti.

    • 131 Antonio 24 maggio 2011 alle 09:32

      Nessuna legittimizzazione per i fascisti.
      Si appropriano momentaneamente di valori che non appartengono loro per convenienza, per avere credito.

      Non si deve mai abbassare la guardia contro questi gruppi che fascisti sono niente piu’.

      Casa Pound fuori legge.

    • 132 VEZIUCCIO 24 maggio 2011 alle 16:47

      credo che lei prenda in seria considerazione il fatto di dare le dimissioni per incompatibilità col movimento 5 stelle .altrimenti in molti lo lasceranno .i fascisti non sono ne di destra ne di sinistra .non hanno una storia degna di essere ripetuta .sono fascisti .persone che calpestano i diritti degli altri ,è come dire dire che mussolini ha fatto qualche asilo e quindi è stato un grande statista ..fuori tema e fuori dalla logica è chi ha preso le difese di un movimento di ispirazione fascista che inneggia all’odio raziale .CHIEDA A QUESTE BRAVE PERSONE DI RINNEGARE IL FASCISMO IL RAZZISMO .LA REPUBBLICA DI SALO’ E I QUALI CONDIVIDONO QUESTE SCIAGURE

    • 133 Ra Dio Bozen 25 maggio 2011 alle 12:26

      Sono gli stessi fascisti che hanno proibito il tedesco, hanno vessato e oppreso una parte della mia famiglia e della mia cultura. Sono quelli per cui i tirolesi sono bastardi perchè non sono veri tedeschi (germanici)
      Finchè gli italiani in Alto Adige/Sudtirolo non capiscono che per essere italiani bisogna essere antifascisti e non fascisti la vedo dura.
      Io sono un bastardo e critico tutti: fascisti italiani e fascisti tedeschi.
      Se vogliamo mantenere la pluralità i fascisti di tutte le etnie devono essere combattuti. Antifascismo multilingue e multietnico!
      I am a bastard, I act as I want!


Comments are currently closed.




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: