La sbarra di Gigi

Il dr. Spagnolli ha recentemente affermato sulla stampa che esistono già percorsi protetti per arrivare all’ Ospedale e che quindi  manca “l’interesse pubblico” che giustificherebbe l’esproprio necessario per istituire un passaggio ciclabile in via della Vigna.

Se dopo anni di battaglie, dopo diverse proposte per risolvere la situazione con il buon senso e con il confronto, se dopo aver  raccolto centinaia di firme di lavoratori ospedalieri e cittadini per poter ripercorrere via della Vigna, dopo che il consiglio comunale si è espresso chiaramente per trovare una soluzione adeguata, se questa è la risposta, è chiaro che ci prendono in giro.

Una questione di 50 centrimetri che non si vuole risolvere, un piccolo passaggio, che rischia di diventare un grande muro per molti cittadini costretti quotidianamente a strisciare.

Inutile spiegare che la ciclabile di via Druso è a senso unico e con un sacco di problemi; che su via Vittorio Veneto le promesse sono lunghe decenni e che comunque il tratto più pericoloso( quello subito dopo piazza Gries)  rimarrà tale e quale com’è, inutile spiegare, cercare altre parole.

E’ evidente a tutti che l’interesse è quello di tutelare la pace e tranquillità di alcuni cittadini, molto vicini alll’assessore  Ladinser e al presidente del Consiglio comunale Walcher, e  che il loro sindaco li spalleggia con le solite ovvie furbescherie.

Lui ha deciso, anche se la netta sensazione è che sia l’ altro a comandare.

E noi, i cittadini?Accettare silenziosamente. Non so !

Ad un certo punto ti viene la nausea, non li sopporti più, ti viene voglia di lasciarli perdere con un bel “ vaffa”; certo però la sbarra rimane e al solo vederla sale la rabbia,  salgono i perché dal cuore e contemporaneamente un senso di pena misto a rancore per quei quattro cittadini dentro, che si credono signori perché hanno una loro strada, i loro protettori e non comprendono forse che hanno cominciato a costruirsi la loro gabbia dorata.

Ci vuole fantasia e inventiva: queste saranno le nostre armi per togliere tutte le sbarre.

Qualcuno potrebbe chiamarla disobbedienza civile.

Claudio Vedovelli

Movimento 5 stelle Bz

Annunci

0 Responses to “La sbarra di Gigi”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: