Posts Tagged 'Atz'

Cittadini sportivi , l’ amministrazione Comunale un po’ meno.

tennisBolzano è spesso considerata “città dello sport” sia per le tante attività praticate, che per i campioni e  per le squadre che ha prodotto in ogni tempo in discipline molto  diverse tra loro. I Bolzanini amano lo sport e lo praticano in maniera massiccia e  diffusa. ( AA 04.10.2013)
E’ vero che i cittadini di Bolzano amano lo sport e lo praticano in maniera diffusa. Non sempre però l’ amministrazione comunale da una mano e non sempre le scelte soprattutto in campo sportivo sono chiare e trasparenti. La vicenda Sill, per esempio,  non è  priva di ombre e  dubbi, dalla gestione ATZ ai 2 milioni di euro stanziati dal Comune recentemente per un impianto in una zona a rischio geologico con un accesso assai problematico.
Così come la vicenda stadio Druso,  finita con un notevole esborso da parte del Comune.
 Certo non mancano i disagi per gli appassionati  nuotatori, ma  anche per i tuffatori agonisti, in una  piscina coperta con  orari ristretti e sovraffollati. I campi da calcio non mancano, ma anche qui la  gestione comunale  è disinvolta, tanto per fare un esempio nel centro  sportivo di via maso della Pieve, una situazione complessiva di degrado, il Comune ha   pensato bene di  iniziare i lavori di manutenzione ad inizio degli allenamenti per  la nuova  stagione, costringendo diverse squadre di ragazzi ad allenarsi in spazi ristretti.
Pensiamo all’ atletica, che verrà presto scacciata dal Druso per far spazio al nuovo stadio, e al ciclismo che ha subito la stessa sorte. Infine è di questi giorni la vicenda USSA/SSV  dei campi da  tennis comunali di via Parma: un’ altra situazione poco chiara, decisa senza trasparenza nelle segrete stanze comunali, con un colpo di mano del assessore e vicesindaco  Ladinser.
Compito del Comune è ora assicurare la prosecuzione dei corsi per i ragazzi e la garanzia per i posti di lavoro attualmente presenti. In sintesi l’ impressione è che non esista un  piano per la  gestione dello sport nella nostra città, si viaggi a naso o meglio inseguendo  le mire e i  desideri di amici, lobby o potentati vari.
Claudio Vedovelli 
Consigliere Comunale Movimento 5 Stelle

Annunci

Sviluppo insostenibile sotto l’albero: il Mercatone di Natale

«Sogno di Natale». È il titolo dell’ambizioso progetto dell’ex assessore comunale Roland Atz che ha partecipato al concorso bandito dal Comune  per realizzare una nuova pista di pattinaggio nel parco della Stazione. Ma Atz non si è limitato alla pista da ghiaccio, ha presentato una riorganizzazione dell’area che è anche un prolungamento del Mercatino di Natale.

Ma quando finiranno gli egoismi mercantili? E quanto la città e i cittadini dovranno subirne le conseguenze sul piano della vivibilità oltreché della viabilità?

«Sogno di Natale» : c’ è veramente poco di onirico nel progetto Atz  e del vice sindaco Ladinser; l’unico sogno è quello dei soliti commercianti di riempirsi le tasche.

Il Mercatino (Mercatone) deve essere ridisegnato, deve essere un vero mercatino a favore dell’ artigianato locale, della filiera breve, di tutti coloro che non posseggono già negozi in città.

Il Mercatino deve continuare ad essere un’ occasione per favorire i giovani, le associazioni di volontariato e non per aumentare i guadagni dei soliti noti.

Deve essere un’ iniziativa che abbracci tutta la città e non solo il centro e soprattutto un’ iniziativa che si ponga anche il problema del proprio impatto sulla città.

Non solo quello economico, rispetto al quale ci sarebbe da discutere, se quello che si chiama indotto, oltre ai soliti, favorirà altri cittadini, oppure se il Comune e quindi i cittadini alla fine non spenderanno di più fra servizi e contributi.

Certamente notevole è l’impatto sull’ambiente di migliaia di turisti “motorizzati” e di conseguenza sulla salute dei cittadini, anche se è notorio che nel periodo natalizio, per grazia divina, le centraline non sforano mai!

Altrochè sogno !

Su questo Natale, metterei una pietra definitiva, questo inno allo spreco e al consumismo non ha proprio nulla a che vedere con  il Natale ed è vergognoso che tutto ciò si svolga attorno al Duomo di Bolzano.

Spostare la pista del ghiaccio dal Talvera, zona tranquilla, lontana dal traffico, senza rumori, a  quel immenso catino di traffico ed inquinamento che è, in quel periodo, la zona compresa fra piazza stazione e piazza Verdi è addirittura da manigoldi; far pattinare i nostri figli in quella situazione è una scelta sbagliata.

Ma forse i nostri figli non erano il centro dell’interesse dell’iniziativa di Ladinser, tutto rientra,e la proposta Atz ce lo chiarisce, in un’ ottica di mercato e di ampliamento dell’ offerta turistica, i cittadini possono aspettare e intanto sorbirsi gli effetti collaterali.

La pista di ghiaccio deve tornare sul Talvera, era un buon servizio per la città. Interpellanza .

Claudio Vedovelli

Consigliere comunale M5S Bz

Articolo DolomitenArticolo Tageszeitung


Posta i commenti sulla mia pagina Fb http://www.facebook.com

Annunci